abbigliamento - auto & moto - commercio - industria - intrattenimento
professioni - hotel & ristorazione - sport - viaggi, salute & bellezza

FAQ - Frequently Asked Questions - domande poste frequentemente
Queste note non hanno la pretesa di essere esaustive (tratte da wikipedia)

Brochure (opuscolo) - termine importato dalla lingua francese, è uno stampato composto da un numero limitato di pagine e destinato alla propaganda di attività commerciali, eventi ed altro, raccogliendo in uno spazio limitato immagini e testi particolarmente significativi per lo scopo promozionale prefissato.

Brossura - è un tipo di rilegatura per libri o brochure che superino i 2-3 millimetri di spessore totale. Tale legatura si ottiene incollando sul dorso delle segnature (ottavi, dodicesimi, sedicesimi, ventiquattresimi, trentaduesimi a seconda di quante pagine contengono) una copertina di cartoncino e poi rifilate sui tre lati. Nel caso di stampa digitale non ci si trova, normalmente, di fronte a segnature, ma a singole pagine stampate. Approfondimenti

Catalogo - è un elenco ordinato e sistematico di più oggetti della stessa specie, come per esempio libri, opere d'arte, prodotti artigiani o industriali, con le indicazioni atte a individuarli e talora, come nei cataloghi di vendita, con il prezzo segnato.

CMYK - è l'acronimo per Cyan, Magenta, Yellow, BlacK; è un modello di colore detto anche di quattricromia o quadricromia. La scelta della lettera K per il nero, anziché la lettera B iniziale nella traduzione inglese, è stata fatta per evitare confusioni con l'iniziale del colore Blue ed è dovuta al fatto che, nella stampa, si usa un procedimento di separazione dei colori per produrre tante diverse immagini quanti sono gli inchiostri usati. Nella quadricromia CMYK l'immagine corrispondente al nero è quella che contiene più dettagli e la lastra di stampa corrispondente è quindi normalmente considerata la lastra chiave, in inglese key plate. Da qui l'uso di K, con riferimento a tale lastra, per indicare il nero. Approfondimenti

Composizione tipografica - consiste nella serie di operazioni che si eseguono per ottenere da un originale una forma stampante. Dalla composizione meccanica si è passati definitivamente - nel corso della seconda metà del secolo scorso - alla composizione elettronica, sfruttando le possibilità offerte dalle tecnologie informatiche applicate alla tipografia. Il termine "composizione tipografica" può anche significare la forma di stampa così ottenuta. Approfondimenti

Comunicazione integrata - Per comunicazione integrata in azienda si intende l'integrazione tanto degli strumenti di comunicazione (pubblicità, posta diretta, depliant, ecc), quanto dei vari tipi di comunicazione (comunicazione interna e esterna, suddivisa a seconda dei vari settori), secondo un piano prestabilito, in modo che le varie azioni di comunicazione si supportino l'un l'altra e costituiscano il cosiddetto effetto moltiplica. Approfondimenti

Coupon (buono) - anche detto buono acquisto, è un biglietto o un documento che dà uno sconto ad un acquisto. I buoni acquisto sono tipicamente distribuiti via posta, riviste, giornali, o internet. Approfondimenti

Dépliant (pieghevole) - termine francese che letteralmente significa pieghevole. È un piccolo foglio stampato, che si distribuisce a scopo pubblicitario o propagandistico Il termine viene usato oggi in Italia nel linguaggio della pubblicità per indicare i volantini pubblicitari pieghevoli. Spesso è confuso con il termine brochure, anch'esso proveniente dalla lingua francese, che indica invece una pubblicazione (a scopo informativo o pubblicitario) composta da alcune pagine, che possono essere anche rilegate.

Design della comunicazione - Il communication design è la branca del design che va a coprire tutti quegli ambiti in cui l'ideazione dei contenuti discende in buona parte dalla loro comunicabilità visuale. Il professionista esperto di communication design è il communication designer.
Il termine si è reso necessario perché il campo della progettazione grafica, con l'esplosione dei nuovi media, ha di fatto costretto molti operatori della comunicazione visiva (graphic designer, art director, ecc.) ad estendere le loro competenze per poter progettare in modo più funzionale l'interfaccia e il contenuto sottostante. Communication design è termine oggi usato anche per definire la progettazione di un qualsiasi prodotto di comunicazione purché questa sia comprensiva di tutti i livelli; dalla strategia alla creatività fino all'esecuzione tecnica. Approfondimenti
Desktop publishing  - (termine mutuato dall'inglese), in sigla DTP, è l'insieme delle procedure di creazione, impaginazione e produzione di materiale stampato dedicato alla produzione editoriale (come libri, giornali, riviste o depliant), usando un personal computer. Il termine (letteralmente "editoria da scrivania", sostituibile altrimenti con editoria individuale) si riferisce al paragone con i sistemi tradizionali di preparazione della stampa, che avevano bisogno di diverse fasi fotografiche e meccaniche successive. Dall'inizio degli anni novanta il DTP ha sostituito in maniera pressoché totale le tecnologie precedenti, dando il via alla prima profonda rivoluzione della tipografia, a più di cinque secoli dalla prima stampa di Gutenberg.
Una stazione grafica usata per il DTP è composta a livello minimo da un personal computer con un monitor e una scheda grafica sufficientemente fedeli nella visualizzazione di immagini e colori; una stampante che riproduce il materiale grafico; uno scanner che legge le immagini e le rende in formato digitale.
I software per il desktop publishing sono programmi sviluppati appositamente per questi compiti. Queste applicazioni non intendono sostituirsi ai programmi di scrittura o di grafica, ma servono a raccogliere ed impaginare i contenuti creati con questi: testo, immagini bitmap (come le foto) e grafiche vettoriali (come grafici e loghi). Racchiudono nella loro piattaforma grafica tutti gli elementi e gli strumenti classici dell’impaginazione in una versione elettronica e possono elaborare tutti i passaggi di lavorazione dell’oggetto editoriale. Approfondimenti

Editoria - è l'industria che si occupa del reperimento e produzione di contenuti riproducibili, della loro trasformazione in forme trasmissibili attraverso i media, e della loro diffusione e commercializzazione. È l'industria del libro ma anche delle pubblicazioni periodiche e, con la nascita dei prodotti audiovisivi e multimediali, si può anche parlare di editoria audiovisiva, editoria musicale, editoria multimediale, editoria su internet - Approfondimenti

Fustella (lavori fustellati) - è uno strumento costituito da un profilo tagliente che riproduce una determinata sagoma e viene utilizzato in tipografia per tagliare la carta, il cartoncino o materiali simili in forme astratte diverse dal semplice rettangolo. In generale, la fustella serve per eseguire tagli identici e precisi ed è, perciò, utilizzata anche in altri ambiti industriali come, per esempio, la pelletteria oppure la produzione di etichette.
In grafica: spesso il tipografo richiede al grafico di includere la fustella nell'impaginato del prodotto da stampare. In questo caso, per fustella si intende la sagoma di taglio sotto forma di segno. Questo disegno è, generalmente, la sagoma realizzata al tratto con una semplice linea nera su foglio bianco. Approfondimenti

Grafica - Il termine grafica indica il settore della produzione artistica orientato alla progettazione ed alla realizzazione di prodotti di comunicazione visiva. Annovera al suo interno più settori specifici, di cui almeno due chiaramente caratterizzati: il graphic design (progettazione grafica) a cui oggi si assimila il termine indicante la categoria generale di grafica - e la grafica d'arte, settore orientato alla riproduzione di opere artistiche in limitata quantità. Approfondimenti

Grafica computerizzata o computer grafica - (derivante dall'inglese computer graphics, in sigla CG) è la generazione e manipolazione di immagini per mezzo del computer. È anche «quella disciplina che studia le tecniche e gli algoritmi per la visualizzazione di informazioni numeriche prodotte da un elaboratore»
La computer grafica nasce per scopi industriali e militari nella 2ª metà degli anni '60, pertinenza esclusiva di computer dotati di grande potenza di calcolo e di componenti elettronici dedicati (detti schede video o sottosistemi grafici). A partire dalla 2ª metà degli anni '80, pur continuando ad esistere sistemi professionali e dedicati, si sono diffusi i personal computer, con una sempre maggiore capacità tecnologica per l'elaborazione e visualizzazione di immagini (vedi per es. l'home computer Commodore Amiga).
Negli anni '90 la computer grafica è ormai dominio consolidato di tutti i computer con la diffusione di schede video di grande versatilità e potenza. Col passare degli anni, grazie all'evoluzione dell'informatica e all'abbassamento dei prezzi, i PC permisero vieppiù l'accesso alla computer grafica a molti. Al giorno d'oggi è infatti parte integrante di una moltitudine di ambiti professionali e di consumo come i videogiochi, il ritocco fotografico, il montaggio di filmati, l'industria cinematografica ("film d'animazione digitale" ed effetti speciali dei film), la tipografia (impaginazione di giornali e riviste) (anche detta desktop publishing), la progettazione grafica (CAD) nelle industrie metalmeccanica, elettronica, impiantistica ed edile, visualizzazione di dati tecnico/scientifici (CAE), sistemi informativi territoriali (SIT o GIS). Approfondimenti

Grafica vettoriale - è una tecnica utilizzata in computer grafica per descrivere un'immagine. Un'immagine descritta con la grafica vettoriale è chiamata immagine vettoriale. Nella grafica vettoriale un'immagine è descritta mediante un insieme di primitive geometriche che descrivono punti, linee, curve e poligoni ai quali possono essere attribuiti colori e anche sfumature. È radicalmente diversa dalla grafica raster in quanto nella grafica raster le immagini vengono descritte come una griglia di pixel opportunamente colorati. Approfondimenti

Immagine coordinata - Il termine immagine coordinata appartiene al mondo della comunicazione visiva. Ha come oggetto la comunicazione di aziende, società, enti, associazioni e qualsiasi altra entità commerciale, sociale o concettuale che abbia tra i suoi bisogni quello di essere conosciuta da un determinato pubblico.
In quanto immagine, si riferisce alla percezione che l'ambiente, inteso come gruppo di potenziali destinatari del messaggio, ha delle rappresentazioni visive dell'entità in questione. L’immagine diventa coordinata quando i differenti fenomeni comunicativi risultano coerenti l'uno con l'altro. Questa coerenza si riferisce tradizionalmente a elementi di comunicazione visiva quali, ad esempio, loghi, colori, caratteri tipografici, impaginazione e presentazione grafica dei documenti, impostazione della comunicazione commerciale e promozionale. Approfondimenti

Internet (storia di ...) - leggi tutto

Litografia (stampa litografica) - è una tecnica di produzione meccanica delle immagini. Il procedimento venne inventato nel 1796 dal tedesco Alois Senefelder utilizzando una pietra delle cave di Solnhofen, cittadina nelle vicinanze di Monaco di Baviera. Inizialmente chiamato con il nome di “stampa chimica su pietra” e solo successivamente litografia. Approfondimenti: http://it.wikipedia.org/wiki/Litografia_(arte) - http://it.wikipedia.org/wiki/Litografia

Locandina - è uno stampato pubblicitario di grande formato, collocato abitualmente presso le sale cinematografiche o nei normali spazi di affissione pubblicitaria, per promuovere i film, allo stesso modo dei trailer proiettati in sala, in televisione o diffusi in Rete. Le locandine più riuscite possono entrare nell'immaginario collettivo del pubblico ad identificare un film quanto gli attori o una colonna sonora memorabile.
Oggi con locandina si intende anche un manifesto di dimensini ridotte affisso all’interno di luoghi pubblici (ndr). Approfondimenti

Logo, o logotipo - è una rappresentazione grafica atta a rappresentare, in genere, un prodotto o un marchio di fabbrica. Più precisamente per logotipo s'intende il carattere (la font) con cui un'azienda si differenzia da un'altra. Un logotipo non è composto da disegni o da immagini, altrimenti sarebbe un pittogramma o un ideogramma. Approfondimenti

Manifesto - è un foglio di carta stampato che si affigge in un luogo pubblico allo scopo di comunicare qualcosa o fare pubblicità. Si usa più in esterno rispetto alla locandina destinata più a luoghi chiusi (ndr)

Marchio - è un qualunque segno suscettibile di essere rappresentato graficamente, in particolare parole, compresi i nomi di persone, disegni, lettere, cifre, suoni, forma di un prodotto o della confezione di esso, combinazioni o tonalità cromatiche, purché siano idonee a distinguere i prodotti o i servizi di un'impresa da quelli delle altre. Approfondimenti

Marketing - termine anglosassone, spesso abbrieviato con mktg e solo erroneamente con mkt, che invece sta per mercato) è un ramo della scienza economica che si occupa dello studio descrittivo del mercato e dell'analisi dell'interazione del mercato, degli utilizzatori con l'impresa. Il termine prende origine dall'inglese market, cui viene aggiunta la desinenza del gerundio per indicare la partecipazione attiva, cioè l'azione sul mercato stesso.
Marketing significa letteralmente "piazzare sul mercato" e comprende quindi tutte le azioni aziendali riferibili al mercato destinate al piazzamento di prodotti, considerando come finalità il maggiore profitto e come causalità la possibilità di avere prodotti capaci di realizzare tale operazione. Approfondimenti

Monografia - è un testo scolastico o un trattato su un singolo argomento o una serie di argomenti correlati, solitamente scritti da una sola persona. In grafica possiamo genericamente parlare di monografia d’azienda e di prodotto. La prima tratta, spesso in modo sinteico, la presentazione, storia e caratteristiche di un’azienda, mentre la seconda si riferisce ad un singolo prodotto o una linea di prodotti. Entrambi sono quasi sempre corredate da immagini e loghi aziendali e si propongono il migliore collocamento sul mercato dell’azienda o di quel prodotto (ndr). Approfondimenti

Pubbliche relazioni - note anche come Public relations o PR, sono tutte le attività di comunicazione il cui obiettivo sia sviluppare relazioni, mettere in comunicazione istituzioni, aziende, persone, strutture, con la loro utenza o clientela di riferimento. Si considera che siano state teorizzate per primo dal pubblicista statunitense di origine austriaca Edward Bernays. I destinatari della comunicazione possono essere privati cittadini, istituzioni, aziende, organi di stampa, consumatori. Approfondimenti

RGB - è il nome di un modello di colori di tipo additivo e si basa sui tre colori rosso (Red), verde (Green) e blu (Blue), da cui appunto il nome RGB, da non confondere con i colori primari sottrattivi giallo, ciano e magenta (popolarmente chiamati anche giallo, rosso e blu). Approfondimenti

Rilegatura è il processo con cui viene materialmente assemblato un libro a partire dai fogli. Vi sono diversi tipi di rilegatura, quali la brossura, rilegatura cucita e la copertina rigida (rivestita o con sovraccoperta). Approfondimenti

Ritocco fotografico - è l'insieme dei procedimenti che portano alla modifica di una fotografia, a scopo di migliorarne l'estetica, modificare il soggetto, eliminare o aggiungere particolari. I procedimenti, le metodologie, i risultati e le abilità in gioco variano molto se si ha a che fare con un supporto digitale o con un supporto analogico. Approfondimenti

Stampa - processo per la produzione di testi e immagini, tipicamente mediante l'impiego dell'inchiostro su carta e di una pressa per la stampa. Spesso viene svolto come processo industriale su larga scala ed è una parte essenziale dell'editoria. Approfondimenti

Stampa digitale  - è un termine generico per identificare un sistema di stampa dove la forma da stampare viene generata attraverso processi elettronici e impressa direttamente sul supporto da stampare. Non essendoci una definizione chiara di stampa digitale vengono fatte rientrare in questo ambito macchine con caratteristiche molto differenti, sia per quanto riguarda la parte costruttiva, sia per quanto riguarda l'utilizzo al quale la macchina stessa è destinata (macchine a toner, a getto di inchiostro, macchine da stampa digitale per uso commerciale, ecc.). Approfondimenti

Stampa offset  - è un processo di stampa planografico indiretto che si basa sul fenomeno di repulsione tra acqua e sostanze grasse (nello specifico gli inchiostri). Planografico perché i grafismi e i contro-grafismi sono sullo stesso piano. Approfondimenti

Stampa tipografica (tipografia) - La tecnica a stampa tipografica è basata su caratteri e incisioni a rilievo utilizzando torchi e cilindri a stampa. Lascia tracce di impressione al retro e maggiore inchiostrazione sui bordi delle lettere e dei tratti. La tipografia è la tecnologia per produrre testi stampati usando matrici composte di caratteri mobili o di lastre inchiostrate. Per estensione, indica anche l'officina in cui tale attività viene esplicata, e l'attività artigianale o industriale connessa. Approfondimenti

Volantino - è una pubblicazione a tiratura limitata formato da una o due pagine stampata su di una o tutte le facciate. L'uso è di informare in maniera veloce ed incisiva il possibile fruitore, che spesso ne viene in possesso in modo casuale, di un determinato tipo di evento, idea, progetto, oggetto. Largo uso se ne fa ora in ambito pubblicitario, dove l'informazione si limita a proporre un servizio, un prodotto o un brand. Lo si utilizza tuttavia in ogni occasione che richieda il veicolare di un'informazione sintetica ad un possibile pubblico, quindi in abito politico, sindacale, propagandistico.